Gps da ciclismo: migliori marche a confronto, fasce di prezzo

Di che tipo di gps da ciclismo dotarsi quando si va in bici, per sport o cicloturismo? Dipende. Se si conosce la zona che si sta percorrendo in bici basterà un modello base di ciclocomputer gps, sufficiente per monitorare il percorso e tenere sotto controllo le coordinate della propria geolocalizzazione. In caso contrario, se si vogliono esplorare territori nuovi o avventurarsi su sentieri inesplorati bisognerà munirsi di un dispositivo pluri-accessoriato, in grado di fungere oltre che da navigatore, da bussola, altimetro e cardiofrequenzimetro per tenere sotto osservazione anche la propria frequenza cardiaca sotto stress.

Questo utile dispositivo, qualora supporti funzioni extra e avanzate, può rivelarsi provvidenziale nel caso si smarrisca il sentiero o non si conosca a fondo la zona oggetto dell’escursione. E’ sempre bene aiutarsi con il navigatore gps per memorizzare le tracce dei percorsi da archiviare, in modo da scaricarle dal dispositivo per trasferirle sul pc una volta a casa. In questo modo si potranno studiare, anche sulla base dei dati raccolti e memorizzati, in modo da farsi un’idea più completa degli itinerari e dell’escursione di cui si è stati protagonisti, anche nell’eventualità si debba ripetere l’esperienza con un bagaglio cognitivo sicuramente più completo, sulla base delle indicazioni fornite dal gps. I migliori modelli servono anche a ritrovare il punto di partenza in caso di disorientamento, visualizzando sul display le mappature e le tracce che, adeguatamente zoomate, potranno mostrare la propria posizione e il punto di partenza in modo da ricostruire il tracciato.

Ma a quali gps da ciclismo affidarsi per poter stare tranquilli? Ormai il mercato è ricco di modelli validi, al di là dei soliti Garmin, insuperabili per ricezione Gps e pre-caricamento mappe. In alternativa, si segnalano altri modelli di qualità, fra i tanti i ciclocomputer gps Wahoo Elemnt, compatti e leggeri con un peso di soli 99 grammi, consigliati a bikers amatoriali, in vendita al prezzo di circa 300 euro con inclusi i supporti manubrio. In alternativa, per spendere di meno si può optare per i ciclocomputer gps Bryton Rider, le cui prestazioni accontentano gli amanti dell’off road. Questi modelli supportano ogni tipo di connettività e hanno la cartografia openstreetmap pre-caricata, il tutto al prezzo lancio di 162 euro.